Vantaggi e usi dell’olio CBD

Il cannabidiolo (CBD) è un rimedio naturale popolare utilizzato per molti disturbi comuni.

Meglio conosciuto come CBD, è uno dei 104 composti chimici noti come cannabinoidi trovati nella cannabis o nella pianta di marijuana, Cannabis sativa.

Il tetraidrocannabinolo (THC) è il principale cannabinoide psicoattivo che si trova nella cannabis e provoca la sensazione di diventare “alto” che è spesso associato alla marijuana. Tuttavia, a differenza del THC, il CBD non è psicoattivo.

Questa qualità rende il CBD un’opzione attraente per coloro che cercano sollievo dal dolore e altri sintomi senza gli effetti che alterano la mente della marijuana o di certe droghe farmaceutiche.

L’olio di CBD è ottenuto estraendo il CBD dalla pianta di cannabis, quindi diluendo con un olio vettore come cocco o olio di semi di canapa.

Sta guadagnando slancio nel mondo della salute e del benessere, con alcuni studi scientifici che confermano che può aiutare a trattare una varietà di disturbi come il dolore cronico e l’ansia.

Qui ci sono elencati i benefici per la salute dell’olio di CBD, che sono supportati da prove scientifiche.

  1. Può alleviare il dolore
    La marijuana è stata usata per trattare il dolore già nel 2900 aC

Più recentemente, gli scienziati hanno scoperto che alcuni componenti della marijuana, incluso il CBD, sono responsabili dei suoi effetti antidolorifici.

Il corpo umano contiene un sistema specializzato chiamato sistema endocannabinoide (ECS), che è coinvolto nella regolazione di una varietà di funzioni tra cui sonno, appetito, dolore e risposta del sistema immunitario

Il corpo produce endocannabinoidi, che sono neurotrasmettitori che si legano ai recettori cannabinoidi nel sistema nervoso.

Gli studi hanno dimostrato che il CBD può aiutare a ridurre il dolore cronico influenzando l’attività dei recettori degli endocannabinoidi, riducendo l’infiammazione e interagendo con i neurotrasmettitori

Ad esempio, uno studio su ratti ha scoperto che le iniezioni di CBD riducevano la risposta del dolore all’incisione chirurgica, mentre un altro studio sui ratti ha scoperto che il trattamento CBD orale riduceva significativamente il dolore e l’infiammazione del nervo sciatico

Diversi studi sull’uomo hanno scoperto che una combinazione di CBD e THC è efficace nel trattamento del dolore correlato alla sclerosi multipla e all’artrite .

Uno spray orale chiamato Sativex, che è una combinazione di THC e CBD, è approvato in diversi paesi per il trattamento del dolore correlato alla sclerosi multipla.

In uno studio su 47 persone con sclerosi multipla, quelli trattati con Sativex per un mese hanno mostrato un miglioramento significativo nel dolore, nella deambulazione e negli spasmi muscolari, rispetto al gruppo placebo

Un altro studio ha rilevato che il Sativex migliora significativamente il dolore durante il movimento, il dolore a riposo e la qualità del sonno in 58 persone con artrite reumatoide

RIASSUNTO
IL CBD, specialmente in combinazione con THC, può essere efficace nel ridurre il dolore associato a malattie come la sclerosi multipla e l’artrite reumatoide.

  1. Potrebbe ridurre l’ansia e la depressione

L’ansia e la depressione sono disturbi mentali comuni che possono avere effetti devastanti sulla salute e il benessere.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, la depressione è il singolo più grande contributore alla disabilità in tutto il mondo, mentre i disturbi d’ansia sono al sesto posto

L’ansia e la depressione sono solitamente trattate con farmaci, che possono causare una serie di effetti collaterali tra cui sonnolenza, agitazione, insonnia, disfunzione sessuale e mal di testa
Inoltre, farmaci come le benzodiazepine possono creare dipendenza e portare ad abuso di sostanze

L’olio di CBD si è dimostrato promettente come trattamento per la depressione e l’ansia, portando molti a vivere con questi disturbi a interessarsi a questo approccio naturale.

In uno studio, 24 persone con disturbo d’ansia sociale hanno ricevuto 600 mg di CBD o un placebo prima di un test di lingua pubblica.

Il gruppo che ha ricevuto il CBD aveva significativamente meno ansia, disturbi cognitivi e disagio nelle prestazioni del linguaggio, rispetto al gruppo placebo

L’olio di CBD è stato anche usato per trattare in modo sicuro l’insonnia e l’ansia nei bambini con disturbo da stress post-traumatico

La CBD ha anche mostrato effetti di tipo antidepressivo in diversi studi sugli animali

Queste qualità sono legate alla capacità del CBD di agire sui recettori del cervello per la serotonina, un neurotrasmettitore che regola l’umore e il comportamento sociale.

RIEPILOGO
L’utilizzo del CBD ha dimostrato di ridurre l’ansia e la depressione sia negli studi sull’uomo che negli animali.

  1. Può alleviare i sintomi correlati al cancro
    La CBD può aiutare a ridurre i sintomi correlati al cancro e gli effetti collaterali legati al trattamento del cancro , come nausea, vomito e dolore.

Uno studio ha esaminato gli effetti del CBD e del THC in 177 persone con dolore correlato al cancro che non hanno sperimentato sollievo dai farmaci antidolorifici.

Quelli trattati con un estratto contenente entrambi i composti hanno sperimentato una significativa riduzione del dolore rispetto a quelli che hanno ricevuto solo estratto di THC

La CBD può anche aiutare a ridurre la nausea e il vomito indotti dalla chemioterapia, che sono tra i più comuni effetti collaterali correlati alla chemioterapia per i malati di cancro

Anche se ci sono farmaci che aiutano con questi sintomi dolorosi, a volte sono inefficaci, portando alcune persone a cercare alternative.

Uno studio condotto su 16 soggetti sottoposti a chemioterapia ha rilevato che una combinazione one-to-one di CBD e THC somministrati tramite spray orale riduceva la nausea e il vomito correlati alla chemioterapia meglio del trattamento standard da solo

Alcuni studi condotti su animali e test hanno persino dimostrato che il CBD può avere proprietà antitumorali. Ad esempio, uno studio in provetta ha rilevato che il CBD concentrato ha indotto la morte cellulare in cellule di cancro al seno umano

Un altro studio ha dimostrato che il CBD ha inibito la diffusione di cellule di cancro al seno aggressive nei topi

Tuttavia, si tratta di studi su provini e animali, quindi possono solo suggerire cosa potrebbe funzionare nelle persone. Sono necessari ulteriori studi sugli esseri umani prima che si possano trarre conclusioni.

RIASSUNTO
Sebbene sia stato dimostrato che il CBD aiuta a ridurre i sintomi legati al cancro e al trattamento del cancro e può persino avere proprietà antitumorali, sono necessarie ulteriori ricerche per valutarne l’efficacia e la sicurezza.

  1. Può ridurre l’acne
    L’acne è una condizione della pelle comune che colpisce più del 9% della popolazione

Si ritiene che sia causato da una serie di fattori, tra cui la genetica, i batteri, l’infiammazione sottostante e la sovrapproduzione di sebo, una secrezione oleosa prodotta dalle ghiandole sebacee nella pelle

Sulla base di recenti studi scientifici, l’olio di CBD può aiutare a curare l’acne grazie alle sue proprietà anti-infiammatorie e alla capacità di ridurre la produzione di sebo.

Uno studio in provetta ha rilevato che l’olio di CBD ha impedito alle cellule della ghiandola sebacea di secrezionare il sebo eccessivo, ha esercitato azioni antinfiammatorie e ha impedito l’attivazione di agenti “pro-acne” come le citochine infiammatorie

Un altro studio ha avuto risultati simili, concludendo che il CBD può essere un modo efficace e sicuro per curare l’acne , grazie in parte alle sue notevoli qualità anti-infiammatorie

Sebbene questi risultati siano promettenti, sono necessari studi sull’uomo che esplorano gli effetti del CBD sull’acne.

RIASSUNTO LA
CBD può avere effetti benefici sull’acne a causa delle sue qualità antinfiammatorie e della sua capacità di controllare la sovrapproduzione di sebo dalle ghiandole sebacee.

  1. Potrebbe avere proprietà neuroprotettive
    I ricercatori ritengono che la capacità del CBD di agire sul sistema endocannabinoide e su altri sistemi di segnalazione cerebrale possa fornire benefici a chi ha disturbi neurologici.

Infatti, uno degli usi più studiati per CBD è nel trattamento di disturbi neurologici come l’epilessia e la sclerosi multipla. Sebbene la ricerca in questo settore sia ancora relativamente nuova, diversi studi hanno mostrato risultati promettenti.

Sativex, uno spray orale composto da CBD e THC, ha dimostrato di essere un modo sicuro ed efficace per ridurre la spasticità muscolare nelle persone con sclerosi multipla.

Uno studio ha rilevato che il Sativex ha ridotto gli spasmi nel 75% delle 276 persone con sclerosi multipla che presentavano una spasticità muscolare resistente ai farmaci

Un altro studio ha fornito a 214 persone con epilessia grave 0,9-2,3 grammi di olio di CBD per libbra (2-5 g / kg) di peso corporeo. Le loro convulsioni sono diminuite di una mediana del 36,5%

Un altro studio ha scoperto che l’olio di CBD riduceva significativamente l’attività convulsiva nei bambini con la sindrome di Dravet, una complessa malattia da epilessia infantile, rispetto a un placebo

Tuttavia, è importante notare che alcune persone in entrambi questi studi hanno sperimentato reazioni avverse associate al trattamento della CBD, come convulsioni, febbre e diarrea.

Il CBD è stato anche studiato per la sua potenziale efficacia nel trattamento di molte altre malattie neurologiche.

Ad esempio, diversi studi hanno dimostrato che il trattamento con CBD ha migliorato la qualità della vita e la qualità del sonno per le persone con malattia di Parkinson

Inoltre, studi su animali e provette hanno dimostrato che il CBD può ridurre l’infiammazione e aiutare a prevenire la neurodegenerazione associata al morbo di Alzheimer

In uno studio a lungo termine, i ricercatori hanno somministrato CBD a topi geneticamente predisposti al morbo di Alzheimer, scoprendo che questo ha contribuito a prevenire il declino cognitivo

RIEPILOGO
Sebbene la ricerca sia limitata in questo momento, è stato dimostrato che il CBD è efficace nel trattamento dei sintomi correlati all’epilessia e alla malattia di Parkinson. È stato anche dimostrato che la CBD riduce la progressione della malattia di Alzheimer in studi su provini e animali.

  1. Potrebbe beneficiare della salute del cuore
    Recenti ricerche hanno collegato il CBD a numerosi benefici per il cuore e il sistema circolatorio, inclusa la capacità di abbassare la pressione alta.

L’ipertensione è legata a rischi più elevati di numerose condizioni di salute, tra cui ictus, infarto e sindrome metabolica

Gli studi indicano che il CBD può essere un trattamento naturale ed efficace per l’ipertensione.

Uno studio recente ha trattato 10 uomini sani con una dose di 600 mg di olio di CBD e ha riscontrato che riduceva la pressione sanguigna a riposo, rispetto a un placebo.

Lo stesso studio ha anche dato agli uomini prove di stress che normalmente aumentano la pressione sanguigna. È interessante notare che la singola dose di CBD ha portato gli uomini a sperimentare un più piccolo aumento della pressione sanguigna del normale in risposta a questi test

I ricercatori hanno suggerito che le proprietà di riduzione dello stress e dell’ansia del CBD sono responsabili della sua capacità di aiutare a ridurre la pressione sanguigna.

Inoltre, diversi studi su animali hanno dimostrato che il CBD può aiutare a ridurre l’infiammazione e la morte cellulare associate a malattie cardiache a causa delle sue potenti proprietà antiossidanti e antistress.

Ad esempio, uno studio ha scoperto che il trattamento con CBD ha ridotto lo stress ossidativo e prevenuto il danno cardiaco nei topi diabetici con malattie cardiache

RIASSUNTO

Sebbene siano necessari ulteriori studi sull’uomo, il CBD può favorire la salute del cuore in diversi modi, tra cui riducendo la pressione arteriosa e prevenendo il danno cardiaco.

  1. Diversi altri potenziali vantaggi

La CBD è stata studiata per il suo ruolo nel trattare una serie di problemi di salute diversi da quelli sopra delineati.

Sebbene siano necessari ulteriori studi, si ritiene che il CBD fornisca i seguenti benefici per la salute:

Effetti antipsicotici: gli studi suggeriscono che il CBD può aiutare le persone con schizofrenia e altri disturbi mentali riducendo i sintomi psicotici

Trattamento di abuso di sostanze: è stato dimostrato che il CBD modifica i circuiti del cervello correlati alla tossicodipendenza. Nei ratti, il CBD ha dimostrato di ridurre la dipendenza da morfina e il comportamento di ricerca di eroina
Effetti anti-tumorali: negli studi su provini e animali, il CBD ha dimostrato effetti anti-tumorali. Negli animali, è stato dimostrato che previene la diffusione di cancro al seno, alla prostata, al cervello, al colon e ai polmoni
Prevenzione del diabete: nei topi diabetici, il trattamento con CBD ha ridotto l’incidenza del diabete del 56% e ha ridotto significativamente l’infiammazione

Alcuni studi suggeriscono che il CBD può essere un trattamento efficace per il diabete, l’abuso di sostanze, i disturbi mentali e alcuni tipi di cancro. Tuttavia, è necessaria più ricerca negli esseri umani.
Ci sono effetti collaterali?
Sebbene il CBD sia generalmente ben tollerato e considerato sicuro, può causare reazioni avverse in alcune persone.

Gli effetti indesiderati rilevati negli studi includono

Diarrea
Cambiamenti nell’appetito
Fatica
È anche noto che il CBD interagisce con diversi farmaci. Prima di iniziare a usare l’olio di CBD, discuterne con il proprio medico per garantire la propria sicurezza ed evitare interazioni potenzialmente dannose

Sebbene il CBD sia generalmente considerato sicuro, in alcune persone può causare reazioni avverse come diarrea e affaticamento. Potrebbe anche interferire con determinati farmaci.
La linea di fondo
L’olio di CBD è stato studiato per il suo potenziale ruolo nel trattamento di molti problemi di salute comuni, tra cui ansia, depressione, acne e malattie cardiache.

Per quelli con cancro, può anche fornire un’alternativa naturale per il sollievo dal dolore e dai sintomi.

La ricerca sui potenziali benefici per la salute dell’olio di CBD è in corso, quindi è probabile che vengano scoperti nuovi usi terapeutici per questo rimedio naturale.

Anche se c’è molto da imparare sull’efficacia e sulla sicurezza della CBD, i risultati di recenti studi suggeriscono che la CBD può fornire un trattamento naturale sicuro e potente per molti problemi di salute.