CBD ed Alzheimer

IL’Alzheimer e il tema dei benefici per la salute della CBD continuano a crescere con la nuova ricerca sul CBD e l’Alzheimer. In studi recenti, il CBD ha dimostrato di ridurre o rimuovere l’impatto di infiammazione, accumulo di ossigeno e declino delle cellule cerebrali. L’infiammazione ha dimostrato di aumentare l’impatto negativo della malattia di Alzheimer. […]

Approfondisci

Attenzione alle differenze tra cannabis coltivata e quella sintetica (meglio la seconda)

La cannabis è stata usata fin dall’antichità per scopi ricreativi e medici. L’attuale uso medico negli Stati Uniti è più comunemente utilizzato per il dolore, sebbene sia usato anche per anoressia, nausea, glaucoma e convulsioni. Nel 1996, il Compassionate Use Act della California fu la prima legge statale che legalizzava il suo uso, principalmente come un’altra opzione […]

Approfondisci

Uso di cannabis e guida di autoveicoli

Una meta-analisi pubblicata nel 2016 ha richiamato l’attenzione sui rischi per la salute pubblica associati alla guida sotto l’influenza della cannabis (DUIC), incluso un potenziale aumento degli incidenti automobilistici. Tuttavia, un’altra meta-analisi pubblicata lo scorso anno ha rivelato che l’uso di cannabis non era significativamente correlato a “eventi di traffico sfavorevoli”, compresi gli incidenti automobilistici. […]

Approfondisci

Diagnosi differenziale in pazienti che hanno effetti collaterali dall’uso di cannabis

In presenza di effetti collaterali è necessario fare una diagnosi differenziale con le seguenti patologie: Psicosi correlata all’alcol Asma allergico e ambientale Disturbi psichiatrici correlati all’anfetamina Disturbi d’ansia Tachicardia atriale Tossicità delle benzodiazepine Breve disturbo psicotico Delirio Depressione Uso allucinogeno Malattia da panico Ipersonnia primaria Disturbi da uso sedativo, ipnotico, ansiolitico Disturbo dell’umore indotto da […]

Approfondisci

Utilità della cannabis per ridurre il consumo di droghe

Un’indagine condotta su oltre 2000 consumatori di cannabis ha mostrato che il 69,1% di questi individui ha sostituito la cannabis ai farmaci da prescrizione, in particolare oppiacei. Altre sostituzioni comuni includevano alcol (44,5%), tabacco (31,1%) e sostanze illecite (26,6%). Questi risultati, notano gli investigatori, suggeriscono che un maggiore accesso regolamentato alla cannabis può ridurre l’uso […]

Approfondisci